Glossario del marketing digitale (vocabolario del marketing digitale)

Abbiamo compilato una lista di termini di marketing che riteniamo ogni marketer dovrebbe conoscere mentre ci muoviamo verso il 2021. È possibile che tu abbia già familiarità con alcuni, o anche la maggior parte, di questi termini, dato che molti di essi non sono nuovi. Questo non significa che siano meno rilevanti, comunque.

Ecco i termini di marketing che dovresti conoscere andando avanti:

Glossario del marketing digitale (Dizionario di marketing online)

1. Marketing digitale

Il marketing digitale è qualsiasi forma di comunicazione volta a persuadere le persone ad acquistare un prodotto o un servizio che avviene attraverso qualche forma di dispositivo digitale.

A New Breed, classifichiamo gli sforzi di marketing come “marketing digitale” quando si verificano attraverso uno strumento collegato a Internet.

2. Posizionamento del marchio

Il posizionamento del marchio è il modo in cui ti differenzi dai tuoi concorrenti e il modo in cui i consumatori identificano e si collegano al tuo marchio. È composto dalle qualità e dai valori chiave che sono sinonimo della vostra azienda.

Il posizionamento del marchio può essere trasmesso attraverso una varietà di mezzi tra cui il tono e la voce, il design visivo e il modo in cui la vostra azienda si rappresenta di persona e sui social media.

3. Consapevolezza del marchio

La consapevolezza del marchio è la misura in cui le persone sono in grado di ricordare e riconoscere il tuo marchio. Ha due componenti: il richiamo del marchio, che è una misura di quanto bene il nome di un marchio è collegato a una classe di prodotti (ad esempio, i clienti sanno che Toyota è collegata alla classe di prodotti delle automobili?), e il riconoscimento del marchio, che è quando un consumatore riconosce un marchio dai suoi attributi (ad esempio, il logo di un’azienda o i colori del marchio).

La consapevolezza del marchio comprende più delle sue parti componenti, tuttavia. La consapevolezza del marchio costituisce uno scenario in cui i clienti possono vedere il vostro marchio o prodotto e sapere che voi fornite la migliore soluzione al loro problema.

4. Generazione della domanda

La generazione della domanda comprende – avete indovinato! – la generazione della domanda per il vostro prodotto o servizio. Più formalmente, è la focalizzazione basata sui dati dei programmi di marketing per produrre consapevolezza e interesse nelle offerte di un’azienda attraverso l’uso della tecnologia.

5. Gestione delle prestazioni delle entrate

Il Revenue Performance Management assicura che le funzioni di acquisizione, ritenzione ed espansione siano allineate al fine di massimizzare la redditività.

Parte dell’obiettivo del revenue performance management è quello di rompere i silos organizzativi e stabilire un insieme condiviso di dati, un processo condiviso e un linguaggio condiviso che permetta ai team di tutta l’azienda di lavorare verso l’obiettivo comune di generare entrate.

  1. Marketing in entrata

L’inbound marketing è un approccio incentrato sul cliente che si concentra sull’attirare i clienti più adatti invece di mandare il tuo messaggio a chiunque.

Attraverso tattiche come il blogging, i social media e il SEO, l’inbound marketing attira i clienti verso la vostra azienda usando contenuti utili e rilevanti. Le tattiche inbound continueranno ad aiutare la vostra azienda a crescere dopo che avrete finito di investirci (a differenza delle tattiche outbound come gli annunci a pagamento o le liste di chiamata), fornendo un ROI scalabile a lungo termine.

  1. Lead nurturing

Il lead nurturing è il processo di educare e costruire la fiducia con i tuoi potenziali clienti al fine di guidarli attraverso il percorso dell’acquirente. L’obiettivo finale del lead nurturing è quello di fornire ai vostri potenziali clienti un’esperienza unica che li faccia tornare per saperne di più – e alla fine li converta in clienti.

  1. Volano

Introdotto nel 2018, il volano rappresenta un cambiamento nel modo in cui i marketer pensano al successo del marketing B2B. Il volano pone i clienti al centro di un business ed evidenzia l’opportunità di ripetere il business attraverso la costruzione di relazioni e l’impegno del servizio clienti. Rappresenta come mantenere i tuoi clienti che tornano porta al successo della tua azienda.

  1. Acquirente persona

Le buyer personas sono rappresentazioni semi-fantastiche dei vostri clienti ideali.

Le buyer personas dovrebbero includere informazioni demografiche, psicografiche e comportamentali, e tendono ad andare più in profondità sul ruolo e l’influenza che queste persone hanno all’interno delle loro aziende, sottolineando i loro obiettivi e motivazioni.

  1. Profilo del cliente ideale (ICP)

Un profilo del cliente ideale è una descrizione ipotetica del tipo di azienda che trarrebbe il massimo beneficio dal vostro prodotto o soluzione. Queste aziende tendono ad avere il ciclo di vendita più veloce e di maggior successo, i maggiori tassi di ritenzione dei clienti e il maggior numero di evangelisti per il vostro marchio.

  1. Abilitazione alle vendite

L’abilitazione alle vendite è una combinazione di coaching, strumenti e contenuti per aiutare il tuo team di vendita ad essere più efficiente ed efficace. Il vostro team di vendita ha bisogno di essere adeguatamente abilitato per portare avanti una strategia di vendita di successo.

Fornendo gli elementi chiave dell’abilitazione alle vendite, permetti al tuo team di lavorare meglio all’interno di un processo di vendita in entrata, in modo da poter fornire informazioni contestualmente rilevanti, condurre conversazioni utili e vedere – in tempo reale – quali dei loro sforzi stanno funzionando.

  1. Marketing basato sul conto (ABM)

L’Account-based marketing (ABM) è un approccio al marketing che capovolge il marketing tradizionale. Piuttosto che sviluppare buyer personas e poi gettare un’ampia rete per attrarre quelle personas verso il tuo marchio, l’ABM si concentra sul trovare modi per impegnarsi con persone da conti mirati basati sul tuo profilo di cliente ideale (ICP).

L’ABM consiste nell’inviare messaggi su misura a conti mirati. Il marketing alimenterà le strategie dietro un approccio ABM di successo, e le vendite forniranno informazioni sull’impatto delle interazioni che il marketing sta avendo con gli account mirati.

  1. Marketing contestuale

Il marketing contestuale è una strategia che è guidata dai comportamenti e dalle condizioni che circondano i vostri sforzi di marketing in modo che tutti i contenuti siano rilevanti per la persona che li riceve.

Per fornire informazioni contestualmente rilevanti, è necessario comprendere la psicografia dei vostri buyer personas per sapere come parlare con loro e quali contenuti risuoneranno con loro.

  1. Marketing del passaparola (WOM)

Il marketing del passaparola (WOM) è la promozione orale o scritta di un bene o servizio da un cliente soddisfatto (o evangelista) a un potenziale cliente. È ampiamente considerato come la forma più efficace di promozione.

  1. Marketing conversazionale

Secondo Drift, che ha coniato il termine “marketing conversazionale”, è “il modo più veloce per spostare gli acquirenti attraverso il tuo marketing e gli imbuti di vendita attraverso il potere delle conversazioni in tempo reale. Costruisce relazioni e crea esperienze autentiche con clienti e acquirenti”.

I chatbot sono il canale più comune attraverso il quale si verifica il marketing conversazionale, ma è anche possibile sfruttare le piattaforme di social media che consentono impegni in tempo reale.

Metriche

  1. Tasso di abbandono

Il Churn rate è una misura usata per calcolare la ritenzione dei clienti ed è significativa per le aziende con entrate ricorrenti. Aiuta le aziende a identificare quanti clienti perdono in un dato periodo di tempo.

Per calcolare il churn rate, si divide il numero di clienti persi durante un periodo di tempo per il numero di clienti che si avevano all’inizio del periodo di tempo.

  1. Costo di acquisizione del cliente (CAC)

Il costo di acquisizione del cliente è esattamente quello che sembra – il costo associato alla trasformazione di un lead in un cliente. CAC è tipicamente espresso come il rapporto

Customer Acquisition Cost-Formula
  1. Costo per lead (CPL)

Il costo per lead si riferisce all’importo speso per acquisire un lead. Questo costo è fortemente influenzato dal CAC. Il caso d’uso più comune per il costo per lead può essere trovato nella pubblicità a pagamento dove c’è una correlazione diretta tra la quantità di denaro che si spende in qualcosa come Google Ads, e il numero di lead che si stanno generando da quella spesa.

  1. Indicatore di performance chiave (KPI)

I Key Performance Indicators sono usati per tracciare i progressi verso gli obiettivi di marketing. Impostando i giusti KPI per il vostro business, potete continuamente valutare le prestazioni e fare aggiustamenti per ottimizzare la vostra strategia di marketing.

Gli indicatori di performance principali (LPI) e gli indicatori di performance tattici (TPI) possono aiutarvi a capire quali sforzi specifici vi stanno spingendo verso i vostri obiettivi.

  1. Valore di vita del cliente (CLV)

Il Customer lifetime value è il profitto netto previsto associato alla relazione futura con quel cliente.

Per calcolare il CLV:

customer_revenue_minus_gross_margin_divided_by_churn_rate

  1. Punteggio promotore netto (NPS)

Il Net Promoter Score misura la probabilità che qualcuno raccomandi la vostra azienda ad altri su una scala da 1 a 10. Usando questa metrica di soddisfazione del cliente, puoi facilmente identificare quanto sono leali i tuoi clienti e dividerli in tre categorie: promotori (9+), passivi (7-8), e detrattori (0-6).

Controllare regolarmente il vostro NPS vi permette di identificare i modi per migliorare il vostro prodotto o servizio. NPS e “Net Promoter Score” sono marchi registrati di Bain & Company, Inc., Satmetrix Systems, Inc. e Fred Reichheld.

  1. Marketing di crescita

Il Growth Marketing è il processo di progettare e condurre esperimenti per ottimizzare e migliorare i risultati di un’area target. Se avete una certa metrica che volete aumentare, il marketing di crescita è un metodo che potete utilizzare per raggiungerla.

Il marketing di crescita può essere applicato in tutto il tuo business alle aree che fanno riferimento all’acronimo AAARRR (a volte indicato come metriche pirata) che sta per Awareness, Acquisition, Activation, Revenue, Retention e Referral. Migliorando queste categorie di metriche, si può crescere nel tempo.

Tecnica e operazioni

  1. Tech stack (stack di software)

Un tech stack, chiamato anche software stack, è l’insieme di tecnologia e software che un’organizzazione utilizza per gestire il proprio business. Per la maggior parte delle aziende, questo probabilmente implica avere un CMS, un software CRM, uno strumento di accelerazione delle vendite, una piattaforma di automazione del marketing e un programma di gestione dei progetti.

Include anche qualsiasi integrazione e server necessari per far funzionare le piattaforme in tandem.

  1. CRM

Il software CRM (customer relationship management) è più di un database di contatti; è uno strumento di accelerazione delle vendite che identifica intuizioni e analisi di business. È una piattaforma completa e facilmente accessibile che ospita il processo di vendita.

La caratteristica principale associata al software CRM è la sua capacità di tenere informazioni di contatto, come nomi, numeri di telefono, e-mail e altri record relativi a un dato contatto. Può associare i singoli contatti con le loro aziende in modo che i venditori possano tracciare le loro interazioni con ogni stakeholder.

Esempi popolari includono HubSpot, Salesforce e Zoho.

  1. CMS

Un CMS (content management system) è un software che permette ai marketer di creare, progettare, ospitare, modificare, gestire e monitorare le prestazioni di tutti i contenuti del loro sito web.

Esempi popolari includono HubSpot, WordPress e Squarespace.

  1. Automazione del marketing

In poche parole, l’automazione del marketing si riferisce al software che è stato progettato per automatizzare le attività di marketing. È incentrato sul coltivare i lead attraverso il processo di acquisto, sfruttando contenuti mirati che si rivolgono alle esigenze dei vostri potenziali clienti quando lo desiderano. Fondamentalmente, stai inviando loro informazioni basate sul loro comportamento, che è molto più potente di una semplice esplosione di email a tutti.

Nel complesso, il software di automazione del marketing permette ai marketer di semplificare vari compiti, aumentare la loro efficienza complessiva, trarre intuizioni chiave e guidare il ROI.

  1. Operazioni di marketing

Le operazioni di marketing sono tutto ciò che accade nelle vostre piattaforme di marketing automation e CRM per consentire la consegna del messaggio giusto al momento giusto alle persone che sono interessate ai vostri prodotti e servizi.

Le operazioni di marketing vivono dietro le quinte. Per esempio, mentre gli specialisti delle operazioni di marketing non stanno inviando le e-mail, si assicurano che siano inviate alla persona giusta.

  1. Operazioni di vendita

Le operazioni di vendita sono tutto ciò che accade nel tuo CRM e nelle piattaforme di accelerazione delle vendite per permettere al tuo team di vendita di comunicare efficacemente con i clienti e controllare il loro processo di vendita.

Come le operazioni di marketing, vive dietro le quinte, supportando l’esecuzione della strategia e degli obiettivi del tuo team di vendita.

  1. Operazioni di servizio

Le operazioni di servizio includono la gestione di tutti i flussi di lavoro, strumenti e processi necessari per mantenere e migliorare l’esperienza complessiva del cliente.

Include l’implementazione, la gestione e l’adozione di CRM, la gestione dei ticket, le campagne automatizzate, l’uso del prodotto, il contenuto della knowledge base e il feedback dei clienti.

L’imbuto

  1. In cima all’imbuto (ToFu)

Anche se il volano è arrivato, l’imbuto rappresenta ancora il modo di trasformare le prospettive in clienti. La parte superiore dell’imbuto si riferisce alle prime fasi del processo di acquisto. Durante questa fase, gli acquirenti stanno diventando consapevoli di avere un problema e stanno cercando maggiori informazioni. Che si tratti di iscriversi a un blog o di guardare un video, si vuole avere un contenuto utile che spinga i visitatori a fare i passi successivi desiderati.

  1. Centro dell’imbuto (MoFu)

Il centro dell’imbuto rappresenta la fase intermedia del processo di acquisto. Gli acquirenti hanno identificato che hanno un problema e stanno continuando a fare più ricerche; tuttavia, ora stanno guardando un contenuto, come un caso di studio, che porta la vostra azienda come una soluzione al problema che stanno cercando di risolvere.

Questo è anche il momento in cui la responsabilità per i lead viene tipicamente trasferita dal marketing alle vendite.

  1. Fondo dell’imbuto (BoFu)

Il fondo dell’imbuto rappresenta l’ultima fase del processo di acquisto. Questo è quando l’acquirente ha identificato un problema, ricercato possibili soluzioni e si sta preparando a comprare. In questa fase, gli acquirenti richiedono tipicamente una demo gratuita o una consultazione e iniziano una conversazione con un rappresentante.

  1. Lead qualificato per il marketing (MQL)

Un lead qualificato dal marketing (MQL) è la terza delle sei fasi del ciclo di vita nel viaggio dell’acquirente. I MQL indicano il numero di visitatori che hai convertito e che sono adatti alla tua organizzazione.

Quando un’azienda conferma che un lead è adatto, quel lead diventa un MQL. Una volta che un lead diventa un MQL, l’azienda lavora per qualificare ulteriormente il contatto e alimentarlo lungo il funnel.

  1. Lead qualificato per le vendite (SQL)

Un lead qualificato per le vendite (SQL) è la quarta delle sei fasi del ciclo di vita (che si verifica subito dopo la fase MQL) nel viaggio dell’acquirente. Un MQL è caratterizzato come un SQL quando le vendite concordano con il marketing che il contatto ha dimostrato abbastanza interesse ed è abbastanza adatto per iniziare una conversazione di vendita.

La fase SQL è anche una delle fasi più importanti e più difficili da definire per un’azienda, perché è dove avviene il passaggio di consegne tra marketing e vendite.

  1. Conversazione qualificata lead (CQL)

Il marketing conversazionale e i chatbot stanno diventando sempre più importanti nel panorama del marketing di oggi. Un Conversation Qualified Lead è qualcuno che ha espresso interesse all’acquisto attraverso una conversazione con un dipendente o un bot. Questi lead vengono da te con domande specifiche a cui vogliono risposte in tempo reale.

  1. Viaggio dell’acquirente

Il viaggio dell’acquirente è la progressione che un contatto segue quando ricerca e acquista un prodotto. Inizia con la fase di consapevolezza, quando gli acquirenti si rendono conto di avere un problema, passa alla fase di considerazione, quando valutano diverse soluzioni a quel problema, e si conclude con la fase di decisione, quando decidono quale concorrente si allinea meglio con i loro bisogni e obiettivi e lo acquistano.

Il viaggio dell’acquirente differisce dal viaggio del cliente perché non tutti i potenziali acquirenti diventano clienti. Gli individui potrebbero passare attraverso alcune delle fasi del buyer’s journey senza mai fare un acquisto.

  1. Attribuzione delle entrate multi-touch

L’attribuzione delle entrate multi-touch è il processo di organizzare, raccogliere e catalogare tutte le interazioni che si verificano quando un individuo decide di fare un acquisto con la vostra azienda. Aiuta le aziende a capire come il loro marketing sta contribuendo alla linea di fondo dell’azienda, dando ai marketer il credito che meritano per i loro sforzi.

Marketing del cliente
  1. Marketing del cliente

Il marketing dei clienti è un insieme di strategie e tattiche rivolte alla vostra base di clienti per migliorare la loro esperienza con il vostro marchio e aumentare il valore che ottengono dal loro impegno con voi. Attraverso il marketing per i clienti, potete aumentare la fidelizzazione, evangelizzare la vostra base di clienti e nutrire i clienti esistenti verso vendite future.

  1. Acquisizione del cliente

L’acquisizione di clienti si riferisce a tutte le fasi, i processi e le risorse coinvolte nell’attrarre un primo cliente nella vostra azienda.

La consapevolezza del marchio, la generazione di lead, il marketing del prodotto, il nutrimento e le strategie di vendita rientrano tutti sotto l’ombrello dell’acquisizione del cliente – ma il concetto di acquisizione del cliente si ferma non appena le vostre prospettive si chiudono ufficialmente come clienti.

  1. Ritenzione del cliente

Il mantenimento del cliente è l’atto di rinnovare i vostri clienti esistenti in modo che continuino a lavorare con la vostra azienda. È l’inverso del churn.

Il primo passo della fidelizzazione è l’acquisizione di clienti adatti, ma ci sono altre componenti come il supporto clienti, il successo del cliente e l’esperienza del cliente che contribuiscono alla probabilità di un cliente di rinnovare.

  1. Espansione del cliente

L’espansione della clientela è l’atto di aumentare l’MRR che si vede dai clienti esistenti. Questo è tipicamente realizzato attraverso upsell e cross-sell.

  1. Successo del cliente

Il successo del cliente è la collaborazione con i vostri clienti per aiutarli a raggiungere e superare i loro obiettivi. È una funzione proattiva che mira ad aiutare a massimizzare il valore che i clienti ottengono lavorando con la vostra azienda, in modo che siano più propensi a rinnovare ed espandersi.

  1. Assistenza clienti

L’assistenza clienti consiste nel risolvere i problemi dei vostri clienti quando le cose vanno male. Questa è una funzione reattiva che utilizza strumenti come un sistema di ticketing o una base di conoscenza self-service.

  1. Servizio clienti

Il servizio clienti è assistere i vostri clienti con l’offerta che hanno acquistato da voi e assicurarsi che soddisfi le loro esigenze. Il servizio clienti può essere pensato come una versione proattiva del supporto clienti. Ha lo scopo di fornire ai clienti un valore prima che i vostri clienti abbiano bisogno di andarlo a cercare.

  1. Soddisfazione del cliente

La soddisfazione del cliente è la gestione del sentimento del cliente. Quando tracciate questo, dovreste guardare non solo come il vostro principale punto di contatto si sente riguardo al vostro prodotto o servizio, ma anche come questo sentimento si riversa sul resto della loro azienda.

La soddisfazione è la base di un cliente felice. Non tutti i clienti diventeranno necessariamente un evangelista che raccomanda la vostra azienda a tutta la loro rete, ma dovreste essere in grado di soddisfare ogni cliente che la vostra azienda assume.

  1. Il viaggio del cliente

Il customer journey è un modo di tracciare l’esperienza di un cliente con la tua azienda dalla prima interazione di un visitatore fino a quando firma un accordo. È un quadro di riferimento per una maggiore filosofia di nutrimento del cliente.

Il viaggio del cliente non è unico per tutti. Come sarà il quadro generale dipende da numerosi fattori, tra cui il vostro settore, il ciclo di vendita e il prodotto o servizio.

“Fornendo la giusta segmentazione, innescando le giuste azioni in un approccio per far progredire proattivamente le vostre relazioni, vi permette di essere reattivi al vostro cliente”, dice Dylan Berno, Client Success Manager di New Breed.

Marketing di prodotto e crescita guidata dal prodotto

  1. Marketing di prodotto

Il marketing di prodotto è il processo di portare un prodotto specifico sul mercato e assicurare che quel prodotto abbia successo.

Come marketer di prodotto, il tuo lavoro consiste nel guidare la strategia interna di un prodotto. È tuo dovere attivare tutte le attività di marketing che circondano il prodotto all’interno della tua organizzazione.

  1. Strategia go-to-market (GTM)

Una strategia go-to-market (GTM) è un piano che specifica come presenterai la proposta di valore unico del tuo prodotto in modo da poter raggiungere i tuoi clienti e ottenere un vantaggio competitivo. Lo scopo di una strategia GTM è di fornire una tabella di marcia per il lancio di un prodotto in un modo che raggiungerà il product-market fit – l’obiettivo finale del vostro lancio.

  1. Adattamento prodotto-mercato

Quando il vostro prodotto soddisfa i bisogni di un mercato, raggiungete l’adattamento prodotto-mercato. L’adattamento del prodotto al mercato si verifica all’intersezione delle fasi di introduzione e di crescita del ciclo di vita del prodotto.

Per ottenere l’idoneità del prodotto al mercato, dovete prima creare un prodotto minimo vitale (MVP).

  1. Prodotto minimo vitale (MVP)

Un prodotto minimo vitale (MVP) è un’offerta che ha abbastanza caratteristiche per soddisfare inizialmente il vostro mercato target.

Produrre un MVP è l’obiettivo finale della fase di sviluppo del prodotto (che precede la fase di introduzione) del ciclo di vita del prodotto. La vostra strategia GTM è essenzialmente un progetto che delinea come introdurre il vostro MVP.

  1. Mercato totale indirizzabile (TAM)

Il mercato indirizzabile totale (TAM) è la quantità di entrate potenziali che la vostra azienda potrebbe guadagnare se tutti quelli che hanno una domanda per il vostro prodotto o servizio lo comprassero effettivamente.

Per la maggior parte delle aziende, l’ammontare delle entrate ottenibili non è affatto vicino al TAM, ma la comprensione del vostro mercato totale può aiutare a informare come definire il mercato target verso il quale concentrerete la vostra strategia di marketing e di vendita.

  1. Crescita guidata dal prodotto (PLG)

La crescita guidata dal prodotto è una strategia coniata da OpenView Venture Partners che si basa sulle caratteristiche del prodotto e sull’uso come i principali fattori di acquisizione e conservazione dei clienti. Sfrutta un prodotto gratuito per l’uso iniziale e inizia a far rispettare i muri a pagamento solo dopo che il valore è stato fornito agli utenti.

  1. Lead qualificato dal prodotto (PQL)

Un lead qualificato dal prodotto è qualcuno che ha provato il tuo prodotto e ha indicato interesse all’acquisto attraverso il suo utilizzo. Questi lead tendono a chiudere ad un tasso più alto poiché hanno già interagito con il vostro prodotto.

Strategia web e SEO

  1. Sito web di generazione di lead

L’obiettivo primario di un sito web di lead generation è quello di educare i tuoi visitatori sul tuo prodotto o servizio e sul settore in cui operi. Oltre a questo, dovrebbe dare ai visitatori l’opportunità di fornire informazioni qualitative al vostro team di vendita, aiutando la vostra organizzazione a catturare lead qualificati per il vostro prodotto o servizio.

  1. Tasso di conversione

In parole povere, il tasso di conversione è il rapporto tra il numero di persone che completano l’azione desiderata su una data pagina web e il numero di persone che visitano quella pagina web. L’azione desiderata potrebbe includere la compilazione di un modulo su una pagina di destinazione o il clic su una CTA su un post del blog.

  1. Ottimizzazione del tasso di conversione (CRO)

Basata sui principi del metodo scientifico, l’ottimizzazione del tasso di conversione (CRO) si concentra sull’aumento sistematico della percentuale di visitatori del sito web che compiono un’azione desiderata su una determinata pagina. Per esempio, potrebbero convertire sul tuo sito compilando un modulo o fornendo informazioni a un chatbot.

Identificando le metriche chiave, puoi capire meglio come i clienti interagiscono con il tuo sito e le azioni che compiono. Queste metriche aiutano a testare e determinare quali strategie funzionano meglio per generare lead e chiudere clienti.

  1. Wireframes

I wireframe sono progetti per il tuo sito web. Forniscono il quadro su cui la funzionalità e il design del tuo sito web finale saranno costruiti. L’obiettivo dei wireframe non è l’aspetto del tuo sito web, ma piuttosto la struttura e il layout del contenuto che richiederà le azioni previste dal tuo utente ideale.

Ci sono molte forme diverse che un wireframe può assumere, e il loro livello di fedeltà è caratterizzato dal livello di profondità nella funzionalità e nel contenuto. I wireframe a bassa fedeltà possono essere piccoli come schizzi su carta e generalmente utilizzano solo testo segnaposto. I wireframes ad alta fedeltà spesso incorporano alcuni elementi cliccabili per dimostrare il flusso dell’utente e spesso presentano bozze o anche testi finiti.

  1. Schemi di contenuto web

Uno schema di contenuto web è la versione grezza di una pagina web. Riflette la struttura che la pagina finalizzata avrà, ma non è affatto progettata.

Oltre a tutti i titoli e al corpo del testo, i contorni del contenuto web includono anche informazioni tecniche come i metadati SEO, il titolo della pagina e dove la pagina esiste nell’architettura del sito.

  1. Architettura dell’informazione

L’architettura dell’informazione è l’organizzazione e la strutturazione del contenuto prima di sviluppare un sito web. Definisce come il vostro contenuto è collegato e categorizzato.

L’architettura dell’informazione comprende la pianificazione della navigazione principale di un sito, il controllo di tutti gli URL esistenti, la determinazione di cosa tenere, consolidare ed eliminare e la definizione delle strutture degli URL. Quando è completa, permette agli utenti di trovare il contenuto che stanno cercando in modo rapido ed efficiente.

  1. Pagina di atterraggio

Una landing page è una pagina web ottimizzata per la generazione di lead. Usando un modulo, le aziende sono in grado di sfruttare un contenuto significativo in cambio delle informazioni del visitatore. Le landing page di successo hanno contenuti ben definiti e percorsi di conversione chiari.

  1. Pagina di ringraziamento

Dopo aver inviato informazioni su una landing page, i clienti vengono immediatamente reindirizzati a una pagina di ringraziamento che li ringrazia per la loro presentazione e fornisce loro potenziali passi successivi. Le pagine di ringraziamento sono importanti nella tua strategia di lead nurturing perché forniscono le offerte che gli individui stanno cercando e possono posizionare altri contenuti rilevanti come un passo logico successivo.

  1. A/B split test

Un A/B split test è un esperimento che confronta due variabili presentandole a un pubblico “diviso” in modo casuale per un periodo di tempo specifico. Finché l’esperimento è controllato e imparziale, l’A/B split testing è un ottimo modo per capire quali tattiche di marketing raccolgono i migliori risultati per il tuo business.

  1. Design reattivo

Il design reattivo si riferisce al modo in cui un sito web si adatta automaticamente alle dimensioni dello schermo da cui lo si visualizza. Questo assicura che non importa quale dispositivo stia usando il tuo visitatore, che sia il suo computer, il suo telefono o il suo tablet, il tuo sito web sarà sempre bellissimo.

  1. Ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO)

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è la pratica di posizionare il tuo contenuto e il tuo sito web in modo che possa posizionarsi bene e attirare traffico dalle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Il SEO include sia il SEO on-page, in cui si cerca di apportare modifiche al codice web e al contenuto per migliorarne il posizionamento, sia il SEO off-page, in cui si cerca di raggiungere individui al di fuori della propria azienda per acquisire backlink e traffico da altre fonti.

  1. Ricerca a pagamento

La ricerca a pagamento è la pratica di mostrare annunci sui motori di ricerca basati sui termini, o parole chiave, che gli individui cercano. La ricerca a pagamento funziona su una base pay-per-click, il che significa che si paga solo quando qualcuno fa clic sul tuo annuncio per una determinata parola chiave.

  1. Ricerca di parole chiave

La ricerca delle parole chiave è il processo di identificazione dei termini di ricerca che i potenziali visitatori del tuo sito stanno cercando online. È fondamentale per garantire che il tuo contenuto possa essere trovato nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Tale ricerca non è l’unico elemento che influisce sulla tua visibilità digitale, ma se stai cercando di guidare il traffico verso il tuo sito web, dovresti investigare attivamente quali parole chiave funzionano meglio.

Controlla anche le nostre fantastiche guide

Di seguito è riportato l’elenco delle nostre guide dettagliate più apprezzate dai professionisti del marketing e dai proprietari di negozi di e-commerce per far crescere la loro attività. Da non perdere per verificarli

Naman Rastogi

Un marketer nel cuore che sa come sfruttare la tecnologia per raggiungere il suo pubblico di riferimento e la crescita di hacking la sua strada verso migliaia di clienti. La mia specializzazione principale è in ricerche di mercato e pianificazione, costruzione del marchio, marketing di crescita, marketing di ritenzione, Lead Nurturing, vendite digitali e partnership. Quando non si affanna a trovare nuovi modi per condividere la conoscenza intorno al marketing, può essere trovato a godersi una partita di ping pong, CSGO, FIFA o Taken

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://it.cmsmarketer.com/wp-content/uploads/2021/04/global-strategy-min.jpg);background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 360px;}