Cos’è un’API?

Avete mai sentito la parola “API” e vi siete chiesti esattamente cosa sia? Avete una vaga idea di cosa potreste fare con un’API? API sta per Application Programming Interface. In termini di base, le API sono un insieme di funzioni e procedure che permettono la creazione di applicazioni che accedono a dati e caratteristiche di altre applicazioni, servizi o sistemi operativi. Delle buone API rendono più facile lo sviluppo di un programma per computer fornendo tutti i blocchi di costruzione, che vengono poi messi insieme dal programmatore”.

Cos’è un’API?

Andiamo più a fondo e smontiamo cos’è un’API, cosa la rende diversa, perché è così popolare, e quali sono le diverse sfide?

Un esempio del mondo reale

Un esempio del mondo reale è l’acquisto di biglietti per il cinema online. Si va sul sito del film; si inseriscono le informazioni sul film, il nome e la carta di credito, e poi si stampano i biglietti. Ma cosa succede tra l’inserimento delle informazioni e la ricezione del biglietto? Le API, ecco cosa! Collaborano dietro le quinte con altre applicazioni. Come è possibile, vi chiederete? Questo tipo di integrazione è chiamato “senza soluzione di continuità” perché non si ha mai un indizio quando un ruolo del software viene passato da un’applicazione all’altra.

Perché abbiamo bisogno di un’API?

Immaginate il seguente scenario: Voi (cioè la vostra applicazione, o il vostro cliente, diciamo un browser web o un’applicazione mobile) volete accedere ai dati o alle funzionalità di un’altra applicazione. Per esempio, forse volete accedere a tutti i tweet di Twitter che menzionano l’hashtag #jimmychoo. Potresti mandare un’email a Twitter e chiedere un foglio di calcolo di tutti questi tweet. Ma poi dovresti trovare un modo per importare quel foglio di calcolo nella tua applicazione. Anche se li archiviaste in un database, come abbiamo fatto, i dati diventerebbero obsoleti molto rapidamente. Sarebbe impossibile tenerli aggiornati. Sarebbe meglio e più semplice per Twitter fornirvi solo un modo per interrogare la loro applicazione per ottenere quei dati in modo da poterli visualizzare o utilizzare nella vostra applicazione. Sarebbe aggiornato automaticamente in questo modo. Quindi, l’API fornisce l’accesso ai dati, così questi dati possono essere inclusi in diverse applicazioni.

Quali sono alcuni tipi di API utilizzati?

Ci sono 3 tipi di API usate comunemente oggi:

  1. API aperte
  2. API dei partner
  3. API privata

Le API aperte sono pubblicamente disponibili per chiunque voglia usarle. BigCommerce, per esempio, utilizza circa 25 diverse API, che è disponibile per il pubblico ad utilizzare. Le API per i partner sono progettate dalle aziende per offrire l’accesso alle API ai partner commerciali strategici come un canale di entrate extra per entrambe le parti. Per esempio, Ticketmaster offre una Partner API per permettere ai suoi clienti la possibilità di prenotare, comprare e recuperare informazioni su biglietti/eventi. Le API private non sono progettate per l’uso pubblico e sono progettate per uso interno. Diciamo che sei in viaggio in un’altra città per un incontro di lavoro. Avete bisogno di fare un viaggio veloce in banca. Entrate nella “ABC Bank” e date alla cassiera il vostro numero di conto. Lei tira fuori velocemente il tuo conto e tu fai un prelievo. La cassiera è stata in grado di estrarre le tue informazioni utilizzando il sistema interno della ABC, che utilizza un’API per estrarre le informazioni del tuo conto e per aggiornare il tuo nuovo saldo del conto API permette a uno sviluppatore di fare una specifica “chiamata” o “richiesta” per inviare o ricevere informazioni. Questa comunicazione viene effettuata utilizzando un linguaggio di programmazione chiamato “JSON”. Può anche essere usato per fare un’azione definita come l’aggiornamento o la cancellazione di dati.

Ci sono quattro metodi di richiesta di base che possono essere fatti con API:

GET – Raccoglie le informazioni (tirare tutti i codici dei coupon) PUT – Aggiorna pezzi di dati (Aggiornare i prezzi dei prodotti) POST – Crea (Creazione di una nuova categoria di prodotto) DELETE – (Eliminazione di un post del blog)

Storia delle API: SOAP XML V/S REST JSON API

Nel 2000, Roy Fielding ha iniziato quello che conosciamo come le moderne API web grazie alla sua dissertazione “Architectural Styles and the Design of Network-based Software Architectures”, altre forme sono venute dopo. Tutto questo non è nuovo. Durante gli anni 2000, abbiamo avuto i servizi SOAP che sono stati sfruttati per alcuni degli stessi casi d’uso. REST fornisce un’alternativa più leggera. Molti sviluppatori trovavano SOAP ingombrante e difficile da usare. REST è facile da capire, ed è semplice da scrivere e documentare. Questa facilità d’uso rende anche facile per altri sviluppatori capire e scrivere applicazioni. REST fa anche un uso efficiente della larghezza di banda, poiché è molto meno prolisso di SOAP. REST supporta molti formati di dati, ma l’uso predominante di JSON significa un migliore supporto per i client del browser. JSON stabilisce un metodo standardizzato per consumare i payload delle API in modo da poter trarre vantaggio dalla sua connessione con JavaScript e il browser. Quindi, cos’è JSON e perché lo usiamo? JSON sta per JavaScript Object Notation ed è un modo di rappresentare i dati che assomiglia agli oggetti JavaScript. Guardiamo un tipico oggetto JavaScript per un ristorante su Yelp, che potrebbe assomigliare un po’ a questo: Pulito. Questo è abbastanza facile da leggere – i nostri dati sono memorizzati come coppie chiave/valore. Questo significa che possiamo vedere la chiave a sinistra e il valore a destra. La chiave rimane la stessa per ogni oggetto Ristorante, ma il valore sarebbe diverso. Un ristorante diverso avrebbe un indirizzo diverso, ma le sue proprietà sarebbero le stesse – avrebbe sempre un nome, indirizzo, CAP, telefono ed email. Quindi JSON è ovunque nelle moderne applicazioni web, mobili e IoT. È leggibile, è leggero e funziona benissimo con le applicazioni scritte in JavaScript, perché è JavaScript. Ma è anche relativamente facile ottenere applicazioni scritte in altri linguaggi per leggerlo e generarlo – incluso Java. Questo significa che un’API che restituisce JSON può essere accessibile da un’applicazione scritta in Java, Ruby, Python, JS, PHP e molti altri. Questo rende un’API facile da sviluppare, altamente scalabile e indipendente dalla piattaforma.

Le API sono ovunque!

Le API sono cresciute enormemente negli ultimi anni con diversi tipi di API. Come ho detto prima, questo è dovuto a un paio di cambiamenti chiave nel settore. In primo luogo, l’enorme crescita delle app mobili che spesso dialogano con i back-end sul web. In secondo luogo, il rapidamente emergente “Internet delle cose” (IoT) promette di portare la connettività ai dispositivi comuni che usiamo nella nostra vita quotidiana.

Tipi di API

Ci sono quattro principali API che vengono spesso utilizzate (naturalmente ce ne sono altre):

  • API aperte, che sono pubblicamente disponibili per l’utilizzo da parte di tutti.
  • Partner API che sono progettate su misura dalle imprese per offrire l’accesso ai partner commerciali per prenotare o acquistare articoli specifici, come biglietti o buoni.
  • API private (o interne) che non sono per il consumo pubblico ma utilizzate internamente.
  • API composite: Questo combina diversi dati e API di servizio. Le sue capacità principali accelerano il corso dell’implementazione, oltre a far progredire il funzionamento degli spettatori all’interno dei confini del web.

Prendere in considerazione i punti chiave

È importante ricordare che i punti chiave delle API sono i seguenti:

  • Le API sono strumenti prevalenti che vengono utilizzati per accelerare il vostro business.
  • Le API rendono possibili connessioni e acquisti di prodotti ad una velocità rapida, come prenotare un hotel o ordinare un biglietto del cinema.
  • Le API forniscono intuizioni chiave sulle possibilità in tempo reale per la consegna di analisi sul posto.
  • Le API danno allo sviluppatore la possibilità di fare una chiamata API o “richiesta” per ottenere informazioni.

Controlla anche le nostre fantastiche guide

Di seguito è riportato l’elenco delle nostre guide dettagliate più apprezzate dai professionisti del marketing e dai proprietari di negozi di e-commerce per far crescere la loro attività. Da non perdere per verificarli

Naman Rastogi

Un marketer nel cuore che sa come sfruttare la tecnologia per raggiungere il suo pubblico di riferimento e la crescita di hacking la sua strada verso migliaia di clienti. La mia specializzazione principale è in ricerche di mercato e pianificazione, costruzione del marchio, marketing di crescita, marketing di ritenzione, Lead Nurturing, vendite digitali e partnership. Quando non si affanna a trovare nuovi modi per condividere la conoscenza intorno al marketing, può essere trovato a godersi una partita di ping pong, CSGO, FIFA o Taken

Your email address will not be published. Required fields are marked *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://it.cmsmarketer.com/wp-content/uploads/2021/04/global-strategy-min.jpg);background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 360px;}