Come risolvere una ‘400 Bad Request’ in WordPress e altri siti – Include le cause e i passi di correzione

Uno degli errori più comuni di WordPress che troverete è l’errore 400 Bad Request. La ragione principale per cui sarà trovato più rapidamente, è perché è una risposta catch-all ad un errore. Non c’è solo una causa. Quindi, ecco alcune ragioni per cui potrebbe accadere e cosa si può fare per risolverlo.

Perché si verifica una 400 Bad Request?

Ci sono numerose ragioni per cui una 400 Bad Request può verificarsi. Per esempio, potrebbe essere a causa di un URL digitato in modo errato (anche se questo normalmente visualizza un errore 404), una sintassi malformata, o un URL che include caratteri illegali. Questi errori sono piuttosto facili da fare.

Tuttavia, un errore 400 potrebbe essere a causa di una cache del browser corrotta, o dei cookie, o i dati DNS memorizzati localmente non sono sincronizzati con le informazioni DNS registrate.

Se stai cercando di caricare un file troppo grande sul tuo sito web, potresti anche vedere apparire l’errore. E ci sono problemi che possono essere causati da un errore generico del server.

Come risolvere un 400 Bad Request

Qui ci sono diverse opzioni per risolvere l’errore 400 Bad Request sul tuo sito web.

  • Controlla l’URL che hai inviato
  • Cancella la cache del browser
  • La dimensione del file supera il limite del server
  • Svuota la cache del DNS
  • Disattivare le estensioni del browser

1. Controlla l’URL che hai inviato

La prima cosa da fare è controllare l’URL che avete richiesto. È molto facile inserire accidentalmente un carattere illegale o fare un errore di ortografia del nome del dominio. Se stai inserendo un URL lungo e complicato, potresti voler usare un codificatore/decodificatore di URL online. Questi possono rilevare i caratteri illegali all’interno dell’URL.

Una delle cause principali dell’errore HTTP 400 è in realtà un errore nell’URL. Non come un errore di battitura che di solito risulta in un 404, ma un carattere illegale che non fa parte della sintassi prevista dal server.

Facciamo un semplice esempio. Quando si lavora con una campagna UTM, è possibile utilizzare %20 e codici simili per inserire caratteri (%20 inserisce uno spazio). Come questo:

www.elegantthemes.com/divi?utm_campaign=viral%20campaign&utm_medium=Blog%20post&utm_source=TikTok

working url
Via Elegant themes

Si può mettere quell’URL nel nostro browser in questo momento, e funzionerebbe. Tuttavia, se metti un % o %20 nella parte principale dell’URL (la parte prima del “?” che indica le stringhe di query in un URL), il server non ha idea di cosa stai chiedendo.

www.elegantthemes.com/%divi vi darà questo:

400 error with %

Perché la struttura standard dell’URL non accetta questo carattere. Assicuratevi che quando ottenete un errore HTTP 400 non abbiate malformato l’URL in alcun modo.

Che l’URL che si sta cercando di raggiungere sia stato inserito correttamente. Questo accade molto probabilmente sugli URL su cui cliccate, quindi se seguite un link che vi dà una schermata 400 Bad Request, controllate l’URL principale per caratteri strani che non dovrebbero essere lì.

Una volta controllato l’URL, prova di nuovo il sito web. Se ora funziona, hai risolto il problema.

2. Cancella la cache del browser

Se i file memorizzati localmente per il sito web sono diventati corrotti, questo può causare un errore 400 Bad Request. Pertanto, è necessario andare nella cronologia del browser e cancellare tutta la cache. Browser diversi hanno modi diversi per raggiungere questo obiettivo, ma è necessario assicurarsi che l’intera cronologia venga rimossa. Se i dati sono corrotti per un sito web, è probabile che lo siano stati anche per altri.

Mentre potreste farlo in un altro momento, potreste anche voler rimuovere tutti i cookie del browser. Si risparmia tempo facendolo in seguito. Tuttavia, questo rimuoverà anche altri aspetti che possono rendere la vostra esperienza di navigazione su internet molto migliore.

Una volta che hai fatto una o entrambe queste cose, prova a ricaricare la pagina. Se l’errore 400 è sparito, avete risolto il problema. Altrimenti continuate con le riparazioni.

3. La dimensione del file supera il limite del server

Se state caricando un file sul vostro sito WordPress e vedete questo, la dimensione del file è troppo grande. Ci sono modi per risolvere questo problema. Ma prima, controllate che sia a causa della dimensione del file provando a caricare un file più piccolo, come una piccola immagine jpg. Se questo funziona, allora sai che è la dimensione del file.

wp memory limit screenshot

Ci sono numerosi strumenti online che possono aiutarti a comprimere i file. Alcuni di questi sono gratuiti.

4. Cancellare la cache DNS

Se i dati di ricerca del DNS locale sono ormai superati o corrotti, allora potrebbe esserci un errore 400 Bad Request. Queste informazioni sono memorizzate sul sistema operativo, non all’interno di un browser. Pertanto, è necessario cancellare la cache DNS da zero.

Basta inserire cmd nella ricerca, e quando si arriva al prompt, basta digitare ipconfig /flushdns (con lo spazio). E questo potrebbe aver risolto il tuo errore HTTP 400.

flush dns windows

Se sei su Mac, è molto simile. Cercate il terminale e digitate sudo killall -HUP mDNSResponder. Se questo non funziona, prova sudo discoveryutil udnsflushcaches.

5. Disattivare le estensioni del browser

L’ultimo aspetto che potrebbe influenzare le prestazioni di un sito web, e che ti fa vedere un errore 400 Bad Request è se hai delle estensioni del browser che influenzano il funzionamento dei cookie di un sito web sul tuo computer. Prova a disattivarle e poi ricarica la pagina.

Clear google chrome cache

Parola finale: come risolvere un errore 400 Bad Request

Se stai ricevendo un errore 400 Bad Request, ci sono molte ragioni per questo. Prova a usare le correzioni e vedi se questo risolve il problema.

Se si ottiene ancora un 400 dopo aver provato tutte queste soluzioni, è il momento di contattare l’host web. Se sei un visitatore e sai come contattare il sito web tramite Twitter o altri mezzi, fallo. E se sei l’amministratore e devi affrontare il problema, la tua migliore scommessa è probabilmente il supporto di qualsiasi host tu usi. Molti errori HTTP come il 400 possono essere risolti seguendo soluzioni semplici e facili come quelle che menzioniamo qui. Tuttavia, non tutti possono. Questo è il momento in cui l’host dovrebbe essere coinvolto. Hanno molte più informazioni e accesso di voi.

Naman Rastogi

Un marketer nel cuore che sa come sfruttare la tecnologia per raggiungere il suo pubblico di riferimento e la crescita di hacking la sua strada verso migliaia di clienti. La mia specializzazione principale è in ricerche di mercato e pianificazione, costruzione del marchio, marketing di crescita, marketing di ritenzione, Lead Nurturing, vendite digitali e partnership. Quando non si affanna a trovare nuovi modi per condividere la conoscenza intorno al marketing, può essere trovato a godersi una partita di ping pong, CSGO, FIFA o Taken

Your email address will not be published. Required fields are marked *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://it.cmsmarketer.com/wp-content/uploads/2021/04/global-strategy-min.jpg);background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 360px;}